>

Book Pride 2017 mette al centro lo straniero

Dal nostro corrispondente a Milano Michele Novaga


straniero

Oltre 200 case editrici, 160 stand, più di 30.000 visitatori attesi, centinaia di incontri. Sono questi i numeri di BOOK PRIDE, la fiera degli editori indipendenti che si svolge per la terza volta a Milano dal 24 al 26 marzo allo spazio BASE in quell’angolo di Milano – zona Tortona, a ridosso del Naviglio Grande – ormai considerato la zona a più alta densità creativa ed artistica del capoluogo lombardo.

 

Un’edizione suddivisa in macro aree tematiche (letteratura, attualità e idee) con incontri a due, dibattiti e confronti che si annuncia importante. A partire dall’inaugurazione che farà “scomodare” da Roma il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini atteso nel pomeriggio di venerdì 24 marzo alle 15 per un dialogo insieme all’assessore alla cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno e a Gino Iacobelli presidente di Odei, l’Osservatorio degli editori indipendenti che organizza l’evento.

Il filo rosso di BOOK PRIDE 2017 è il tema dello straniero e della diversità che stimolerà il dibattito anche su questioni geopolitiche internazionali spesso di difficile interpretazione. E proprio allo straniero è dedicato il monologo che l’artista a tutto tondo Moni Ovadia eseguirà nello stesso pomeriggio del 24 marzo: un viaggio alla scoperta dello straniero partendo dalle parole di Franz Rosenzweig, Yulia Kristeva e Albert Camus. Perché in fondo siamo tutti un po’ Maursault pronti ad aprirci a quella “dolce indifferenza del mondo” negata a chi si sente diverso. Su questo argomento è d’obbligo segnalare l’incontro intitolato “Letteratura migrante” in programma sabato 25 alle 17.00 per conoscere il fenomeno della letteratura della migrazione in lingua italiana che sta assumendo proporzioni sempre più rilevanti con gli scrittori senegalesi (e italiani) Pap Khouma e Cheikh Tidiane Gaye. Ma anche l’incontro sul grande esodo e sulle migrazioni con il giornalista tedesco Wolfgang Bauer (domenica 26 ore 12), gli approfondimenti sul concetto di cittadinanza con Sara Farolfi e Daniele Giglioli (sabato 25 marzo ore 12) e sul concetto di frontiera con Franco Farinelli (domenica 26 marzo ore 12). Sulla stessa falsariga da segnalare sono la presentazione del libro “Il mio fiume di Faruk Sehic” che tratta dell’argomento delle guerre dei Balcani, (sabato 25 marzo ore 10) e quella del libro “L’Iran Svelato. Da Stato canaglia a grande opportunità. Le verità nascoste sulla nuova Persia” di Fabrizio Cassinelli, sabato 25 ore 11.

BOOK PRIDE 2017 sarà caratterizzato anche da una forte presenza svizzera. Oltre alla partecipazione di una decina di espositori (editori, quotidiani, stampatori, unioni di case editrici) provenienti dal Canton Ticino, in programma ci sono anche vari incontri dedicati ai maggiori rappresentanti della letteratura svizzera organizzati da Pro Helvetia con il patrocinio del consolato generale della Svizzera di Milano. Come quello su Hermann Burger, scrittore ossessivo e geniale che con il suo L’illettore ci ha consegnato una straordinaria dichiarazione d’amore nei confronti dei libri e della letteratura (sabato 24 marzo ore 16), quello su Oscar Peer, il maggiore scrittore di lingua romancia del Novecento (domenica 26 marzo ore 11), quello su Max Frisch e Friedrich Dürrenmatt (sabato 25 marzo ore 11) e quello su Pietro De Marchi (sabato 25 marzo ore 14).

Non mancheranno i laboratori di traduzione quest’anno dedicati a coloro che, seppur non professionisti, vogliono avvicinarsi al lavoro del traduttore e lo Spazio Book Young dedicato alle produzioni dell’editoria indipendente per ragazzi e ai laboratori per bambini. E per coloro che vogliono diventare editori per un giorno c’è il fanta-book, gioco promosso da Odei con il quale tutti i visitatori della kermesse letteraria potranno cimentarsi diventando editori per un giorno.

In attesa del viaggio che il BOOK PRIDE intraprenderà anche in altre città italiane: prima tappa Genova, Palazzo Ducale dove, dal 20 al 22 ottobre, l’orgoglio dell’editoria indipendente divulgherà il suo credo per una tre giorni di dibattiti, letture e incontri con gli autori.

 

Per saperne di più

http://www.bookpride.net/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>